social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

ambiente
Foreste toscane, la denuncia della Fai-Cisl: settore gestito con disinteresse dalle istituzioni
 Scritto da FAI CISL Toscana  il 21.05.15  in USR Toscana >> Ambiente

giampieriparla

Giampieri: "Disastrosa la scelta di affidarne la gestione alle Unioni dei Comuni. La Regione si occupi con serietà e continuità del settore."

Il patrimonio forestale della Toscana "viene governato con estremo disinteresse dalle istituzioni della nostra regione", che ignorano e mal gestiscono quella che potrebbe essere una grande ricchezza non solo ambientale, ma anche economica e occupazionale della Toscana.

E' la denuncia contenuta in una lettera aperta che il Segretario generale della Fai-Cisl toscana, Giampiero Giampieri

indirizza "a tutte le istituzioni che nella nostra regione governano questo settore", in primis la Regione Toscana a cui chiede di "occuparsi con serietà e continuità del settore", mentre finora si è limitata per lo più a fare formazione "spesso ottima", ma anche "costosa" e che "se non trova poi riscontro in una concreta e corretta organizzazione del settore, assume i connotati di un grande spreco di risorse."

Nella lettera si denuncia la necessità di riaprire il turn-over a fronte di un organico "marcatamente insufficiente": 580 addetti (il 20% dei quali con varie limitazioni operative) per oltre 110 mila ettari di territorio. Un patrimonio che secondo la Fai-Cisl va gestito "con piglio d'impresa, da un organismo regionale che ne massimizzi le potenzialità e riduca le inefficienze." Si tratta infatti per lo più di boschi 'maturi', segnala la Fai, per i quali l'azione forestale si esplica sempre di più con vendite di 'legname in piedi' e quindi con bilancio economico positivo. Per questo serve "un profondo cambiamento negli approcci gestionali".

Giampieri si rivolge anche all'Uncem, invitandola a "prendere atto dell'errore" di avere, con la sua "azione lobbistica" "determinato l'affidamento della gestione del settore alle Unioni dei comuni"; infatti, prosegue il Segretario Fai, "oggi possiamo affermare che, con qualche eccezione, questa scelta appare disastrosa, dimostrando che a determinarla è stata la voglia di dare ossigeno alle Unioni dei comuni, piuttosto che la volontà di gestire correttamente il settore."

"Per questo –conclude Giampieri- chiediamo alla Regione di occuparsi con serietà e continuità del settore. Per quanto ci riguarda -sosteniamo ancora con forza una gestione unitaria del settore a livello regionale. Fuori da questa prospettiva sprechi, incompetenze e inefficienze saranno all'ordine del giorno con ripercussioni drammatiche per le maestranze e costi inutili per la collettività."


Leggi la lettera 


Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Maggio 2015 16:08
 
Calendario
Ultimo mese Ottobre 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 40 1 2 3 4 5 6
week 41 7 8 9 10 11 12 13
week 42 14 15 16 17 18 19 20
week 43 21 22 23 24 25 26 27
week 44 28 29 30 31

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO