social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

contrattazioneEvertenze

Caporalato, un’altra conferma che la Toscana non è immune
 Scritto da FAI CISL Toscana  il 13.09.18  in USR Toscana >> Contrattazione e vertenze
campo1

Giorni: "Attenzione ai prezzi troppo bassi, sono sospetti. Bisogna reprimere, ma anche prevenire, intervenendo sul mercato del lavoro"

"Anche questa operazione,come le altre portate a termine dalle forze dell'ordine negli ultimi anni, confermano che il caporalato è ormai un fenomeno nazionale e che la Toscana non ne è esclusa." 

 

A dirlo è il segretario della Fai-Cisl Toscana, Patrizio Giorni, commentando gli esiti dell'indagine condotta dalla procura di Firenze che hanno portato oggi a tre arresti.

"E' la conferma – continua Giorni – che le azioni di contrasto devono essere più efficaci e che oltre alla necessaria azione di lotta e repressione del fenomeno dobbiamo lavorare di più anche sulla prevenzione, intervenendo sul mercato del lavoro."

"La Fai-Cisl – ricorda poi Giorni - ai primi di luglio ha attivato un numero verde (800-199-100) attraverso il quale i lavoratori possono segnalare fenomeni di caporalato. E anche da li abbiamo avuto la conferma che il fenomeno è diffuso, perché le segnalazioni, diverse decine, sono arrivate da tutto il territorio nazionale."

"I prezzi estremamente bassi di molti prodotti alimentari – conclude il segretario Fai Toscana – sono sospetti e possibili indicatori della diffusione del fenomeno; e credo di poter dire anche che possono avere un ruolo negativo in questo: i margini sempre più stretti per i produttori possono aumentare le condizioni per questi ingiustificabili fenomeni di sfruttamento."


Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Settembre 2018 09:01
 
Calendario
Ultimo mese Febbraio 2019 Prossimo mese
D L M M G V S
week 5 1 2
week 6 3 4 5 6 7 8 9
week 7 10 11 12 13 14 15 16
week 8 17 18 19 20 21 22 23
week 9 24 25 26 27 28

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO