social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

contrattazioneEvertenze

Caporalato, un’altra conferma che la Toscana non è immune
 Scritto da FAI CISL Toscana  il 13.09.18  in USR Toscana >> Contrattazione e vertenze
campo1

Giorni: "Attenzione ai prezzi troppo bassi, sono sospetti. Bisogna reprimere, ma anche prevenire, intervenendo sul mercato del lavoro"

"Anche questa operazione,come le altre portate a termine dalle forze dell'ordine negli ultimi anni, confermano che il caporalato è ormai un fenomeno nazionale e che la Toscana non ne è esclusa." 

 

A dirlo è il segretario della Fai-Cisl Toscana, Patrizio Giorni, commentando gli esiti dell'indagine condotta dalla procura di Firenze che hanno portato oggi a tre arresti.

"E' la conferma – continua Giorni – che le azioni di contrasto devono essere più efficaci e che oltre alla necessaria azione di lotta e repressione del fenomeno dobbiamo lavorare di più anche sulla prevenzione, intervenendo sul mercato del lavoro."

"La Fai-Cisl – ricorda poi Giorni - ai primi di luglio ha attivato un numero verde (800-199-100) attraverso il quale i lavoratori possono segnalare fenomeni di caporalato. E anche da li abbiamo avuto la conferma che il fenomeno è diffuso, perché le segnalazioni, diverse decine, sono arrivate da tutto il territorio nazionale."

"I prezzi estremamente bassi di molti prodotti alimentari – conclude il segretario Fai Toscana – sono sospetti e possibili indicatori della diffusione del fenomeno; e credo di poter dire anche che possono avere un ruolo negativo in questo: i margini sempre più stretti per i produttori possono aumentare le condizioni per questi ingiustificabili fenomeni di sfruttamento."


Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Settembre 2018 09:01
 
Calendario
Ultimo mese Novembre 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 44 1 2 3
week 45 4 5 6 7 8 9 10
week 46 11 12 13 14 15 16 17
week 47 18 19 20 21 22 23 24
week 48 25 26 27 28 29 30

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO