social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

economia
Livorno, “edilizia in ginocchio”
 Scritto da FILCA CISL Toscana  il 12.04.18  in USR Toscana >> Economia

Riccio Simona 1ok

A dirlo la segretaria della Filca Toscana, Simona Riccio, che alla vigilia del tavolo tecnico sulle costruzioni chiede misure per rilanciare le costruzioni.

“Nella crisi che sta mettendo in ginocchio da anni l’economia del livornese, purtroppo il settore delle costruzioni sta giocando un ruolo fondamentale 

Gli ultimi anni, infatti, sono stati contraddistinti da un numero altissimo di lavoratori edili espulsi dal mercato e dalla scomparsa di centinaia di aziende di costruzioni. Mai come in questo momento è necessario mettere in campo misure per risollevare il settore, anche perché il rilancio dell’edilizia non potrà che rimettere in moto l’intera economia della provincia”. Lo ha dichiarato il segretario generale della Filca-Cisl Toscana, Simona Riccio, alla vigilia del secondo incontro del tavolo tecnico del comparto delle costruzioni con le istituzioni locali, in programma domani a Rosignano. “I dati della Cassa edile – ha aggiunto Riccio – sono la conferma di una crisi senza precedenti del settore: a gennaio 2018 i lavoratori iscritti erano 1.645, per un totale di 220 mila ore lavorate. A gennaio del 2017 erano 1.753, e nel 2008 ben 3.385, per un totale di ore lavorate che superava quota 478 mila. Nello stesso decennio le aziende sono passate da 788 a 489. Davanti ad una simile tragedia sociale le misure messe in campo sono state poche e inefficaci. L’assenza dei rappresentanti dei Comuni di Livorno e Piombino al primo incontro del tavolo tecnico del comparto delle costruzioni, è un segnale inequivocabile, ed è arrivata dopo che i due Comuni avevano condiviso l'opportunità nell'ambito degli ‘Stati Generali del Lavoro della Provincia di Livorno’ del gennaio scorso. Eppure l’elenco delle opere da realizzare è lungo e ricco: l’ospedale del capoluogo, ad esempio. Un’opera mai cantierizzata, per la quale ad oggi non è stato deciso né per la ristrutturazione del vecchio né per la costruzione di uno nuovo, una vera beffa per decine di migliaia di cittadini. Poi ci sarebbero i lavori per l'autostrada Tirrenica Livorno-Civitavecchia, una tratta autostradale da 200 chilometri per la quale sarebbe necessario intervenire, soprattutto per problemi di sicurezza. Dopo decenni di progetti e di polemiche, però, tutto tace e il completamento dell’opera sembra lontanissimo. Infine il porto: il maxi progetto di ampliamento a mare, da 860 milioni di euro, dopo quasi due anni ha cambiato ‘forma’ tornando quindi alla casella di partenza. Anche in questo caso – è l’accusa di Riccio - i lavoratori coinvolti sono vittima del cosiddetto dumping contrattuale, fenomeno per cui le aziende applicano contratti diversi da quello edile per risparmiare sulla manodopera. Una ‘furbata’ che provoca perdita di salario e mancanza di sicurezza per i lavoratori, e alterazione delle regole del mercato, con svantaggi per le imprese serie e oneste. E poi c’è tutta l’ordinaria amministrazione, come la manutenzione delle strade e degli edifici pubblici e la messa in sicurezza del territorio. I ritardi con cui le istituzioni intervengono sono quindi inaccettabili non solo per i lavoratori edili e per l’economia livornese, ma per tutti i cittadini del territorio, che hanno diritto a servizi moderni ed efficienti”, ha concluso il segretario generale della Filca Toscana.


Ultimo aggiornamento Giovedì 12 Aprile 2018 11:57
 
Calendario
Ultimo mese Settembre 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO