social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

socialeEsanita
Sanità: per tamponare il disavanzo della farmaceutica la Regione non tagli le risorse destinate a altri bisogni
 Scritto da USR CISL Toscana  il 24.05.16  in USR Toscana >> Giornate

medicine1

I sindacati bocciano la variazione di bilancio approvata dalla maggioranza: “Un tradimento di impegni già presi verso i cittadini.” 

 

Tagliare 47 milioni di euro di stanziamenti già decisi per finalità importanti (dalla non autosufficienza alle liste d’attesa) e utilizzarli per ripianare il disavanzo nei conti della sanità toscana è un tradimento degli impegni presi verso i cittadini e i loro bisogni.

E’ il giudizio di CGIL, CISL e UIL della Toscana sulla variazione di bilancio approvata oggi dal Consiglio regionale, che prevede di recuperare 47 milioni di euro stanziati per il biennio 2014-2015 e non spesi dalle Asl e utilizzarli per ripianare la maggior spesa verso le case farmaceutiche. 
L’assessore regionale Saccardi ha giustificato il disavanzo sulla farmaceutica con la scelta di vaccinare più persone contro la meningite B. “Non discutiamo se sia giusto o meno il piano di vaccinazione – replicano Mauro Fuso, Rossella Bugiani e Paolo Camelli, componenti delle segreterie regionali Cgil, Cisl e Uil - ma di certo non si possono sottrarre risorse già destinate ad altri bisogni, altrettanto urgenti. Oltre 5 milioni svincolati dalla non autosufficienza, 2,7 milioni dalle Case della salute, oltre 2,2 milioni dalla odontoiatria, quasi 900 mila euro svincolati per i progetti relativi all’abbattimento delle liste di attesa per la diagnostica. E ancora, risorse svincolate per la prevenzione e la cura delle dipendenze, per le cure intermedie, per la sanità d’iniziativa, per il codice rosa, per l’abbattimento delle liste di attesa per i trapianti. Se quelle risorse sono ancora in cassa è perché le Ausl, le Aou e i loro dirigenti (con grandi differenze tral’una e l’altra) non sono stati capaci di spenderle, ma è profondamente ingiusto far ricadere le conseguenze di questa incapacità sui cittadini che attendevano risposte ai loro bisogni: famiglie di non autosufficienti, soggetti schiavi di una dipendenza, donne maltrattate, cittadini in attesa di un esame diagnostico. Per loro si tratta di una doppia beffa: non solo non hanno ricevuto le risposte ai loro bisogni nei tempi che la Regione aveva pomposamente annunciato, ma ora perderanno anche la speranza di averla quella risposta, perché i soldi non ci sono più.” 
“Gli stanziamenti della Regione Toscana così diventano come i carrarmati di lontana memoria, sempre gli stessi, ma buoni per essere esibiti più e più volte. I bisogni dei toscani però non sono virtuali e hanno bisogno di risorse vere, stanziate e poi conseguentemente spese, bene e secondo la finalità annunciata. Ne va della qualità del sistema socio-sanitario e della credibilità delle istituzioni e di chi le guida.” Per questo Cgil, Cisl e Uil della Toscana chiedono alla Regione di convocare immediatamente il tavolo di confronto sulla sanità. 
 
Questo il dettaglio delle risorse recuperate (in milioni di euro) perché non spese nelle diverse Ausl: Ausl 1 - 1,990; Ausl 2 – 5,759; Ausl 3 – 1,210; Ausl 4 – 1,271; Ausl 5 – 2,270; Ausl 6 – 3,512; Ausl 7 – 1,890; Ausl 8 – 5,791; Ausl 9 – 1,179; Ausl 10 – 5,488; Ausl 11 – 1,468; Ausl 12 – 1,056; Aou Pisa – 0,330; Aou Siena – 1,500; Aou Careggi – 9,012; Meyer – 0,760; Ispo – 2,428

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Maggio 2016 09:08
 
Calendario
Ultimo mese Aprile 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 14 1 2 3 4 5 6 7
week 15 8 9 10 11 12 13 14
week 16 15 16 17 18 19 20 21
week 17 22 23 24 25 26 27 28
week 18 29 30

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO