social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

sicurezzaSulLavoro
Tragedia di Arezzo, Fp-Cisl: dolore e sgomento
 Scritto da FP CISL Toscana  il 21.09.18  in USR Toscana >> Sicurezza sul lavoro

arezzo1

 Due lavoratori morti all’Archivio di Stato. Bucci: “Vicini alle famiglie così brutalmente colpite. Accertare con esattezza dinamica e cause, verificando efficienza dell’impianto e eventuali responsabilità”

“La tragedia di Arezzo suscita dolore e sgomento e ci spinge a stringerci alle famiglie dei due lavoratori che devono affrontare questo dramma,

 

ma anche a chiedere ancora una volta a tutti coloro che hanno responsabilità in materia di sicurezza di esercitare il massimo dell’attenzione a difesa della salute e della vita di chi lavora.”Così il segretario toscano della Funzione Pubblica Cisl, Marco Bucci, sul duplice incidente mortale sul lavoro verificatosi stamani all’archivio di stato di Arezzo.
“Una tragedia terribile – dice Bucci – che colpisce due lavoratori pubblici che stavano svolgendo il loro servizio ed espone due famiglie al dramma della privazione improvvisa di un genitore, un compagno, un figlio. Di fronte alla gravità dell’accaduto c’è la necessità chiara e inderogabile di accertare con esattezza la dinamica e le cause della tragedia, verificare l’efficienza dell’impianto e l’esistenza di eventuali responsabilità. Parallelamente va rinnovata, con forza, la richiesta di massima e costante attenzione alla sicurezza sul lavoro, a tutti i livelli e in tutti i settori, anche quelli, come in questo caso, apparentemente meno esposti; perché niente vale il prezzo pagato con la perdita di due vite umane.”

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Settembre 2018 09:00
 
Calendario
Ultimo mese Dicembre 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 48 1
week 49 2 3 4 5 6 7 8
week 50 9 10 11 12 13 14 15
week 51 16 17 18 19 20 21 22
week 52 23 24 25 26 27 28 29
week 1 30 31

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO