social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

trasportiEinfrastrutture
Pedaggi autostradali: “aumenti sganciati dalla realtà”
 Scritto da FIT CISL Toscana  il 05.01.18  in USR Toscana >> Trasporti e infrastrutture

pedaggi1

A dirlo la Fit-Cisl Toscana, che mette a confronto gli aumenti con l’inflazione, gli investimenti e l’occupazione nel settore.

Gli aumenti delle tariffe autostradali scattati a inizio anno anche in Toscana sono totalmente sganciati dalla realtà.”

La denuncia arriva da Stefano Boni, Segretario generale della Fit-Cisl Toscana, che mette a confronto gli incrementi tariffari della rete autostradale regionale con il tasso d’inflazione e gli investimenti delle concessionarie autostradali.
“Gli aumenti – spiega Boni - sono ben più alti dell’inflazione, mentre i pedaggi garantiscono già introiti di quasi sei volte gli investimenti sulla rete, mentre la produttività dei lavoratori del settore aumenta e il loro numero diminuisce. A ingrassare sono così le società concessionarie delle autostrade italiane, mentre la qualità del servizio ai cittadini diminuisce e i loro portafogli sono più leggeri.” 
Per questo Boni si chiede “perché l’Autority dei Trasporti non analizza i meccanismi di aumento delle tariffe autostradali e, se non coerenti con l’aumento del costo della vita, non interviene e chiede delucidazioni sul perché si proceda a favorire le società concessionarie.” “Anche la Regione Toscana – aggiunge il Segretario Fit - in considerazione degli accordi per nuove infrastrutture con le società concessionarie di autostrade nel territorio, dovrebbe pretendere che si faccia chiarezza sui meccanismi di aumento delle tariffe.”
“Le tariffe autostradali – dice Boni - in teoria dovrebbero coprire gli investimenti, i quali invece restano ben al di sotto: 1,1 miliardi contro poco meno di 6 miliardi di euro nel 2016.” Secondo il Segretario Fit “le convenzioni stipulate nel 2007 e le specifiche del CIPE  sull’applicazione delle formule tariffarie e criteri di calcolo risultano sganciati dalla vita reale e dalle spese che ogni famiglia/cittadino deve sopportare. Secondo l’Istat il 2016 si è chiuso in deflazione (-0,09) e il 2017 con un’inflazione dell’1,2%. Le tariffe autostradali hanno avuto aumenti medi nazionali rispettivamente dello 0,77% e del 2,74%. Nel tratto toscano, in Autostrade per l’Italia per il 2016 del +0,64% e nel 2017 +1,51; in SAT nel 2016 +0,90% e nel 2017 +1,33; in Autocamionale della Cisa S.p.A. nel 2016 +0,24% e nel 2017 invariate.”
“Anche grazie ai segnali di ripresa economica il traffico autostradale in Toscana è in continuo aumento, mentre gli investimenti in manutenzione e nuove infrastrutture avanzano a rilento. Anche la produttività dei singoli lavoratori è in continuo aumento a fronte di una diminuzione costante degli addetti, causata non solo dall’introduzione della tecnologia ma anche da una riduzione dei servizi di assistenza/informazione, che per la Fit-Cisl è inaccettabile. Secondo noi – conclude Boni - con la crescita degli utili verificati nei bilanci e della produttività dei lavoratori, le tariffe andrebbero diminuite piuttosto che aumentate, per rilanciare lo sviluppo, salvaguardare l’occupazione con nuove assunzioni e favorire i cittadini e le famiglie del nostro Paese.”

Ultimo aggiornamento Venerdì 05 Gennaio 2018 12:39
 
Calendario
Ultimo mese Ottobre 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 40 1 2 3 4 5 6
week 41 7 8 9 10 11 12 13
week 42 14 15 16 17 18 19 20
week 43 21 22 23 24 25 26 27
week 44 28 29 30 31

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO