social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

trasportiEinfrastrutture
Treni, ritardi anche oggi a Firenze SMN
 Scritto da FIT CISL Toscana  il 27.02.18  in USR Toscana >> Trasporti e infrastrutture

treno neve1

 Boni: “Non è un evento eccezionale, ma il frutto dell’inadeguatezza dei vertici FS, che non hanno più al centro dell’attenzione il trasporto ferroviario.”

“Dopo l’odissea di ieri, con i viaggiatori assembrati davanti ai cartelli luminosi senza riuscire a capire quale treno sarebbe partito prima e se sarebbe arrivato a destinazione, 

anche oggi a Firenze Santa Maria Novella si registrano notevoli ritardi, mediamenti sui 30 minuti.” A dirlo è il segretario generale della Fit-Cisl Toscana Stefano Boni, che punta il dito contro la dirigenza del gruppo FS. 
“Ormai qualcuno deve pensare che l’inverno sia sempre mite, senza gelo e neve in pianura – dice Boni - e quando succede il contrario si parla di fatti eccezionali. Invece il problema è l’inadeguatezza della massima dirigenza del Gruppo FS ad affrontare queste emergenze, anche se annunciate da tempo.” 
“Quanto successo ieri è la conseguenza del fatto che le Ferrovie dello Stato si sono trasformate e non hanno più al centro il trasporto ferroviario: la dirigenza si dedica a tagliare nastri o fare shopping in giro per l’Europa, comprando pezzi di ferrovie di altri Paesi o società di autobus. Lo dimostrano i fatti e gli investimenti nella manutenzione. Sono bastati 10 centimetri di neve caduti su Roma per mandare in tilt il nodo ferroviario nevralgico del Paese, causando la cancellazione e enormi ritardi nell’80% dei treni AV e lunga percorrenza con ripercussioni su tutti i principali capoluoghi d’Italia.”
“Ci domandiamo se il Governo non abbia avuto un po’ troppa fretta nel riconfermare il board ferroviario scaduto alla fine del 2017. Fino ad oggi abbiamo goduto dell’efficienza e preparazione acquisita dal Gruppo negli anni passati, ma oggi si cominciano a verificare le prime conseguenze di un management non all’altezza. Ieri di fronte al blocco del nodo di Roma Termini i ferrovieri in servizio hanno collaborato al meglio, come sempre e con grande responsabilità, pur in una situazione difficile, portando a destinazione i treni in alcuni casi con oltre 10 ore di ritardo e quindi ben di più fuori casa.”
“Come sindacati chiediamo un’attenzione maggiore all’infrastruttura ferroviaria con investimenti mirati a prevenire le criticità causate dal gelo e dalla neve accompagnate da un piano eccezionale di assunzioni di operatori della manutenzione e una rivisitazione di quello che oggi è il reticolo manutentivo. Bisogna cambiare passo attraverso l’individuazione dei responsabili e dare segnali di cambiamento reale in modo che situazioni del genere non si debbano più ripetere.”

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Febbraio 2018 13:30
 
Calendario
Ultimo mese Giugno 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO