social-twiitter-top-iconsocial-ut-top-icon

Seguici anche su...

         social-twiitter-bottom-iconYouTube

varie
Nasce in Toscana l’Alleanza contro la povertà
 Scritto da USR CISL Toscana  il 11.12.17  in USR Toscana >> Varie

ALLEANZA POVERTA1Hanno aderito oltre 15 organizzazioni. Servirà a rendere più efficaci le nuove misure introdotte dal Governo. Reddito d’inclusione, 50mila le famiglie toscane ad averne diritto

Sono più di 50mila le famiglie toscane, in stato di povertà assoluta, che avrebbero diritto al reddito d’inclusione, per un assegno a famiglia pari a circa 5 mila euro l’anno.

Con ulteriori criteri per l’accesso, come presenza di minori, invalidità, gravidanza e over 55 in stato di disoccupazione, le famiglie beneficiarie scenderebbero a 31.500. Se il criterio principale resta invece la presenza di figli minori, le famiglie interessate sarebbero 26.700. I numeri sono elaborati dall’Osservatorio sociale regionale della Regione Toscana ed è partendo anche da questi dati che nasce in Toscana il tavolo regionale dell’Alleanza contro la povertà.
Con l’introduzione del reddito d’inclusione, oltre 15 organizzazioni hanno deciso di promuovere un tavolo regionale che miri a far conoscere la norma di contrasto alla povertà e gli strumenti per il piano personalizzato volto al superamento di tale condizione.
L’Alleanza toscana nasce con l’obiettivo di lavorare in collaborazione con le istituzioni locali per divulgare la conoscenza della misura, monitorarne l'attuazione e stimolare la stessa pubblica amministrazione nell'applicazione attenta e puntuale.
A questo proposito il coinvolgimento dei comuni, rappresentati da Anci Toscana, risulta strategico nella programmazione di politiche e reti di contrasto della povertà in raccordo con i soggetti territoriali.
Tra le sue attività ci sarà la valutazione della compatibilità delle misure nazionali con le normative regionali, l’informazione e il coinvolgimento della popolazione, l’interlocuzione con le istituzioni locali in merito alla definizione dei progetti personalizzati e al rafforzamento dei servizi.
All'Alleanza hanno ad oggi aderito: Acli regionali toscane, Anci Toscana, Arci Toscana, Associazione Banco Alimentare Toscana, Associazione San Vincenzo de’ Paoli, Auser Toscana, Azione Cattolica Toscana, Caritas Toscana, Cgil Toscana, Cisl Toscana, CNCA, Confcooperative Toscana, Forum Terzo Settore Toscana, Lega Cooperative Sociali, Legautonomie Toscana, Professione in famiglia, Uniltalsi Toscana.
“Noi – dice la Segretaria regionale Cisl, Francesca Ricci – mettiamo a disposizione, in tutta la regione, i nostri CAF per le predisposizione dell’Isee, primo passo necessario per chiedere il REI. Saremo attivi a livello regionale, così come lo siamo a livello nazionale, nella fase di monitoraggio. Resteremo in contatto costante con il tavolo nazionale per verificare operativamente come questa nuova misura va a regime e le eventuali criticità che dovessero emergere, sia da parte degli enti locali che per le persone.”
“Il REI è un passo avanti, anche nella concezione, perché non è una misura assistenziale, ma mira a spingere le persone a mettersi in gioco. In questo senso va salutato positivamente. Non nascondendo però che le risorse messe a disposizione sono al momento decisamente poche rispetto ai bisogni.”

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Dicembre 2017 12:54
 
Calendario
Ultimo mese Gennaio 2018 Prossimo mese
D L M M G V S
week 1 1 2 3 4 5 6
week 2 7 8 9 10 11 12 13
week 3 14 15 16 17 18 19 20
week 4 21 22 23 24 25 26 27
week 5 28 29 30 31

Prossimi eventi

Nessun evento
  1. Inserire il nome
  2. Inserire una email valida
  3. Leggi l'informativa sulla privacy

giornali

ARCHIVIO